Con pazienza e questi consigli, il vostro cane imparerà a “venire”

“Vieni” è uno dei comandi più importanti. Se il cane risponde in modo affidabile a un richiamo, puoi lasciarlo correre senza guinzaglio senza esitazione. Questo comando è anche molto utile se il cane va fuori controllo.

Fondamenti del comando “vieni

  • La cosa più importante quando si pratica questo comando è far capire al cane che è sempre bene venire da te.
  • Quindi non dovete mai rimproverarlo quando è venuto da voi, qualunque cosa abbia fatto prima.
  • Invece, lodatelo per essere venuto.

Pubblicità

Come il cane impara “vieni

  1. Per cominciare, dovreste praticare il comando in casa. Chiama “Vieni” e fa tintinnare il barattolo del cibo, per esempio. Il cane verrà poi con molto entusiasmo.
  2. Lodatelo per questo e dategli una ricompensa. Con il tempo, non avrai più bisogno della scatola di cibo.
  3. Se il comando funziona in casa, aumenta la difficoltà e fai pratica mentre cammini al guinzaglio. Il cane dovrebbe girarsi e venire da voi al comando.
  4. Il passo successivo è una linea di corsa o una linea di affondo degli sport equestri. Questo permetterà al cane di allontanarsi di circa 8 metri da voi. Anche qui, dovrebbe sempre arrivare a comando. Lodare e premiare sempre il cane quando viene da te.
  5. Se venire con il guinzaglio lungo funziona in modo affidabile in tutte le situazioni, cioè anche se un altro cane o un coniglio vi attira, potete osare per la prima volta di liberare il cane in un posto tranquillo.
  6. Esercitatevi a venire ancora e ancora, anche se non volete niente dal cane al momento. Chiamalo più volte durante ogni passeggiata e lodalo quando viene. Questo rafforza il legame e promuove l’obbedienza.
  7. All’inizio, dovresti mettere il tuo cane al guinzaglio nelle situazioni difficili prima che si faccia delle idee. Tali situazioni sono, per esempio, cani strani nelle vicinanze o altri animali che potrebbero incoraggiare il cane a inseguirvi.
  8. Per strada e quando si avvicinano pedoni o ciclisti, dovresti sempre chiamare il cane a te e metterlo al guinzaglio se necessario. Per considerazione verso gli altri. Non sottovalutare la reazione del tuo cane ai passanti spaventati. Molti cani iniziano ad abbaiare o a ringhiare quando percepiscono la paura di un umano. Questo di solito non è inteso in modo aggressivo, ma una reazione alla minaccia percepita che la persona sente.

“Vieni” è un comando che deve essere praticato più e più volte nel corso della vita. È un riflesso molto accurato della relazione tra cane e uomo. Se il cane non reagisce o reagisce solo con esitazione, non accetta ancora l’uomo come capo del branco. Gli esercizi di obbedienza possono migliorare l’obbedienza qui.

Tali esercizi sono, per esempio, sedersi o abbassarsi.

Il piccolo bastardo arriva a comando – (Foto: Martin Goldmann)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.