Word mail merge: Utilizzare automaticamente il saluto corretto nel campo dell’indirizzo

Nelle lettere, si usa il seguente indirizzo Signor invece di Signor. Puoi fare in modo che Word usi automaticamente questo saluto corretto nelle lettere di forma se il saluto nell’origine dati è solo “Mr.

Lasciare che Word Signor invece di Signor scrivere

  1. Andate al punto della vostra lettera-forma in cui è inserito il campo per il saluto.
  2. Se c’è un segnaposto con doppie parentesi angolari, per esempio <>, interruttore da [Alt + F9] la visualizzazione delle funzioni di campo.
  3. Ora dice invece, per esempio {MERGEFIELD salutation}.
  4. Contrassegnare il campo includendo le parentesi graffe.
  5. Cancellare la selezione con [Ctrl + X], in modo che il contenuto finisca negli appunti.
  6. Aggiungi da [Ctrl +F9] un campo vuoto. Solo le parentesi graffe appaiono.
  7. Riempite il contenuto delle parentesi vuote come segue, ma digitate le due parentesi {MERGEFIELD salutation} ma incollarlo dagli appunti, ad esempio con [Ctrl + V] [Ctrl + V]{IF {MERGEFIELD salutation}=”Mr” “Mr” {MERGEFIELD salutation}}
  8. Ora, nella lettera del modulo, ogni “Mr.” è sostituito a questo punto con il testo “Mr.

Usate la funzione IF per sostituire “Mr” con “Mr”

Il fatto di non poter usare le normali parentesi graffe sulla tastiera, ma di usare invece  [Ctrl + F9] o dover usare il campo copiato è dovuto al modo in cui Word usa queste funzioni di campo. Le parentesi sono in realtà solo una visualizzazione per l’utente e Word richiede assolutamente la variante speciale tramite la combinazione di tasti. Se usate le parentesi graffe, non funzionerà e avrete delle parentesi graffe nel documento finito con il testo della formula invece del risultato calcolato.

Puoi anche distinguere i campi dal fatto che sono grigi quando ci clicchi sopra.

Ma forse avete un problema altrove. Poi leggi di più sulle basi per le lettere di forma in Word qui.

Pubblicità

Ecco come funziona la distinzione dei casi di Word

L’operatore IF ha la seguente struttura per i campi Word:

{IF valore1 operatore di confronto valore2 testo1 testo2}

Se il confronto è corretto, viene utilizzato il primo contenuto, altrimenti il secondo contenuto. Nel modulo utilizzato, il primo è un testo fisso “Mr” e nel caso in cui il test per “Mr” fallisca è il contenuto originale del campo salutation per {MERGEFIELD salutation}.

Per casi più complicati, potete anche usare diverse condizioni e collegarle con le funzioni AND e OR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.